Climatizzazione

Puoi salvare un massimo di 4 prodotti!

Seguici anche su

Domande e Risposte

Quanto dura la carta usata nel Lossnay?

Se il Lossnay non è esposto all'acqua, alla luce solare diretta (raggi ultravioletti) o a quantità notevoli di sospensione oleosa, non esistono problemi né di durata, né di corrosione. Per un funzionamento di dieci ore al giorno, una durata superiore a dieci anni è perfettamente normale.

Se la carta viene usata per lo scambio di umidità, non verrà da quest'ultima infradiciata e quindi danneggiata?

No, perché l'umidità è scambiata tra le due superfici della carta. Inoltre lo scambio di temperatura e di umidità del Lossnay avviene secondo il trattamento mostrato nel diagramma.

domande e risposte
  • O.A.= Temperatura aria esterna
  • E.A.= Temperatura aria esclusa
  • R.A.= Temperatura aria ambiente
  • S.A.= Temperatura aria rinnovo

Non è perciò possibile alcun problema né di condensa, né di infradiciamento.

Come è possibile ottenere l'alta efficienza di scambio dichiarata (da 65% al 75%) se la carta è un cattivo conduttore di calore?

In rapporto al metallo, la carta in effetti è un cattivo conduttore di calore. Tuttavia, poiché una buona parte della resistenza termica fra le superfici della carta è influenzato dalla resistenza al passaggio di calore dell'aria alle superfici stesse,il tipo di materiale impiegato è quasi ininfluente sulla percentuale di passaggio di calore. Di conseguenza l'efficienza di scambio è notevole e comunque non inferiore a quella ottenuta con elementi metallici.

Perché è così efficace il sistema simultaneo di immissione/ estrazione forzata dell'aria?

È noto che l'efficienza di raffreddamento e di riscaldamento di un edificio aumenta se esso è ermeticamente chiuso ma che, comunque, il rendimento di un ventilatore d'estrazione si riduce notevolmente se non vi è un'adeguata quantità d'aria immessa. Il Lossnay è equipaggiato sia con ventilatore di estrazione che con ventilatore di immissione. Normalmente vengono usati insieme e quindi garantiscono una ventilazione ideale.

Se il Lossnay venisse utilizzato in ospedali, non ci potrebbero essere problemi connessi alla diffusione di germi?

Il Lossnay viene comunemente impiegato per uso ospedaliero. In particolare è stato provato in un ospedale affiliato del Centro Universitario di Tokyo (Bacteria Examination Laboratory prof.Shimizu Kihachiro). I risultati hanno dimostrato che, poiché l'aria immessa e l'aria estratta passano attraverso aperture separate, vi è scarsissima commissione tra loro.In particolare:

  1. non s'è verificata alcuna diffusione di batteri nell'unità.
  2. qualsiasi batterio eventualmente presente nell'unità, muore entro due settimane.

Il Lossnay potrebbe intasarsi con la polvere? Qual è il metodo di manutenzione periodica?

L'aria attraversa l'elemento Lossnay con un flusso laminare e perciò non esistono problemi di sporcamento. La polvere aderisce più facilmente dove l'aria è a flusso turbolento come all'esterno dell'elemento Lossnay. Una volta all'anno, comunque, è buona norma provvedere alla pulizia con un comune aspirapolvere.

domande e risposte

  1. flusso turbolento
  2. flusso laminare

È necessario l'uso di un filtro dell'aria? Se lo è, quale tipo di filtro si dovrebbe usare?

Per una perfetta efficienza del Lossnay si dovrebbe sempre installare un prefiltro d'aria sulla superficie di ingresso dell'elemento. Il prefiltro da usare dovrebbe avere un'efficienza di filtrazione della polvere pari o superiore all'80%(standard AFI)(velocità dell'aria 1.5 m/sec).

Come è la manutenzione del prefiltro?

Dipende dal grado di sporcizia dell'aria.Normalmente il prefiltro deve essere pulito ogni 1 o 2 mesi.

Quale materiale è usato nell'elemento Lossnay?

Il materiale usato per lo scambiatore totale di calore è una speciale carta trattata con un campo di funzionamento da -10 °C a +50C.

Quali sono i vantaggi del Lossnay se confrontato ad uno scambiatore totale di calore di tipo rotatorio?

  • Lunga durata con ridotta necessità di manutenzione.
  • Grande flessibilità di installazione.
  • Grande semplicità nell'eventuale sostituzione dell'elemento interno.
  • Perfetta divisione fra i due flussi dell'aria.

page top