Climatizzazione

Puoi salvare un massimo di 4 prodotti!

Seguici anche su

Teoria di base

Un fluido riscaldandosi (raffreddandosi) assorbe (cede) una certa quantità di calore. Quando tali processi producono un cambiamento di stato per esempio da liquido a gassoso (evaporazione) oppure da gassoso a liquido (condensazione), la quantità di calore scambiata con la fonte esterna, risulta sensibilmente superiore (calore di vaporizzazione / condensazione). Un C.A. sfrutta questa caratteristica in due fasi distinte:

  1. Fase Passiva: In questa fase si comprime il fluido (gassoso) e si fa condensare, abbiamo di conseguenza un consumo di energia (E.E.) ed una cessione di calore all'aria esterna di raffreddamento.
  2. Fase Attiva: In questa fase si fa espandere lo stesso fluido (liquido) e si fa evaporare, abbiamo di conseguenza un assorbimento di calore a spese dell'aria interna dei locali che conseguentemente cede calore raffreddandosi.

Queste due fasi per poter essere applicabili nell'ambito del condizionamento aria devono poter avvenire a temperature relativamente basse. La figura in basso mostra l'evaporazione del refrigerante all'interno del serpentino prodotta da un riscaldamento del gas ad opera dell'aria ambiente che conseguentemente si raffredda.

teoria di base

page top