R2

Preferiti

Nuovo design

Le nuove unità esterne della serie YNW adottano uno scambiatore di calore a 4 lati in prossimità della parte superiore del case vicino al ventilatore.

Questa scelta tecnologica-costruttiva permette di incrementare l’efficienza di scambio termico.

Key technologies

Riscaldamento continuo

Normalmente, durante la fase di sbrinamento il sistema arresta il funzionamento interrompendo l’erogazione di calore in ambiente. Tuttavia la funzione di riscaldamento continuo rende possibile eseguire lo sbrinamento della batteria dell’unità esterna mentre il sistema continua ad erogare potenza termica in ambiente evitando così bruschi cali di temperatura in ambiente.

Riscaldamento continuo - funzionamento con modulo singolo

La batteria di scambio termico dell’unità esterna è divisa in due porzioni. Anche se lo sbrinamento si rende necessario, il sistema può continuare a funzionare utilizzando una delle due porzioni di batteria mentre l’altra porzione viene sbrinata.

Riscaldamento continuo - funzionamento con moduli combinati

Con i moduli combinati, il sistema esegue lo sbrinamento alternandolo sui diversi moduli che compongono il sistema. In questo modo, mentre un modulo è in fase di sbrinamento l’altro (o gli altri) può (possono) continuare a erogare potenza termica in ambiente.

Controllo della temperatura di evaporazione ETC

In un sistema tradizionale la temperatura di evaporazione viene mantenuta costante indipendentemente dalle condizioni di carico del sistema. Nelle condizioni di basso carico (quando i carichi termici a cui far fronte sono limitati) aumentare la temperatura di evaporazione del sistema permette di diminuire il lavoro a carico del compressore e di conseguenza limitare l’assorbimento elettrico dell’unità esterna senza influenzare il livello di comfort in ambiente.

Le nuove unità esterne sono dotate della funzione per la selezione della temperatura di evaporazione che tiene conto automaticamente delle condizioni di carico del sistema.

Modalità operativa “High Sensible Heat”

La temperatura di evaporazione può essere modificata da un contatto esterno (con accessorio PAC-SC36NA-E).

Funzione “Low Noise” avanzata

La modalità “Low noise” può adesso essere selezionata sulla base di 5 differenti impostazioni: 85%, 70%, 60% e 50% (valori riferiti alla velocità di ventilazione). L’attenuazione della rumorosità è direttamente configurabile dalla control board dell’unità esterna (necessario connettore PAC-SC36NA opzionale). Le differenti impostazioni possono essere scelte sulla base delle esigenze installative (in applicazioni con particolari vincoli di rumorosità).

Pressione statica del ventilatore modificabile fino a 80 Pa

La pressione statica del ventilatore dell’unità esterna può essere impostata tra 0-30-60 e 80 Pa. Questo facilità l’installazione dell’unità anche in posizioni che richiedono una canalizzazione dell’aria espulsa dalla ventilante.

Massimo dislivello incrementato fino a 90 metri

Alcuni modelli di unità esterne hanno la possibilità di funzionare con dislivelli di altezza fino a 90 metri senza l’adozione di kit opzionale e quindi costi aggiuntivi. Ciò semplifica e rende più flessibile la progettazione anche negli edifici più alti.

Limite di funzionamento esteso in Cooling fino a 52°C

In certi tipi di installazione ed in zone con elevata densità di costruzioni il passaggio dell’aria può essere ostacolato. In condizioni di temperatura esterna molto elevata e se l’aria espulsa dalla ventilante dell’unità non è correttamente allontanata la stessa può ristagnare e far incrementare la temperatura dell’aria intorno alla macchina. Grazie al range di funzionamento esteso fino a 52°C il sistema è in grado di continuare a funzionare senza interruzioni anche in queste condizioni.

Modalità “Auto-shift”

La modalità “Auto-shift” è una nuova modalità operativa settabile da unità esterna che va ad aggiungersi alle due modalità già presenti: COP Priority mode (il sistema opera massimizzando l’efficienza) e Capacity Priority mode (il sistema lavora massimizzando la potenza erogata). Questa nuova modalità operativa permette di far funzionare il sistema in modalità Capacity Priority mode per i primi 30 minuti e poi commuta il funzionamento in COP Priority mode. Grazie a ciò il sistema velocizza i tempi di regimazione. Questa modalità rappresenta un vantaggio soprattutto durante l’avviamento del sistema di climatizzazione (per esempio in caso di riaccensione dell’impianto la mattina presto).

Preheat defrost operation

Le nuove unità esterne YNW sono equipaggiate con la funzione Preheat defrost (attivabile da unità esterna) che incrementa la temperatura di mandata dell’aria prima che il sistema esegua le operazioni di sbrinamento (tipicamente durante lo sbrinamento le unità interne erogano aria ad una temperatura più bassa) in modo da “calmierare” il lieve abbassamento di temperatura in ambiente durante lo sbrinamento.

Funzione emergenza (Backup)

I Moduli combinati delle unità esterne CITY MULTI garantiscono un eccellente livello di affidabilità grazie alla nuova funzione Emergenza (Backup), che può essere facilmente attivata dal comando remoto di una qualsiasi unità interna in caso di malfunzionamento del sistema. La funzione emergenza garantisce un funzionamento in raffreddamento e riscaldamento medio di 4 ore.

Funzione rotazione

I moduli combinati delle unità esterne CITY MULTI impiegano una routine automatica chiamata “Funzione Rotazione”, in modo da garantire un bilanciamento dell’utilizzo delle unità esterne e conseguentemente un ciclo di vita ottimale per tutti i componenti del sistema.

Autodiagnosi del sistema VRF CITY MULTI

Per garantire la semplicità di manutenzione, i sistemi CITY MULTI sono dotati di una fine autodiagnostica che, tramite codici di anomalia, è in grado di comunicare a vari livelli eventuali malfunzionamenti. Inoltre utilizzando lo speciale software Maintenance Tool sviluppato da Mitsubishi Electric, è possibile collegarsi in qualsiasi punto della linea di trasmissione per ottenere tutte le informazioni tecniche di funzionamento in modo interattivo.

Download dei dati di funzionamento tramite USB

A differenza del modello precedente (YLM) in cui i dati di funzionamento possono essere scaricati tramite PC dotato di opportuno software (Maintenance Tool), nelle nuove unità YNW i dati possono essere scaricati più velocemente e facilmente con l’utilizzo di una USB* data storage (chiavetta USB). Non è quindi più necessario portare con se un PC direttamente sul sito in cui le unità sono installate e questo rappresenta un risparmio in termini di tempo (e quindi di costi). Attraverso l’utilizzo della chiavetta USB sarà possibile scaricare i dati di funzionamento con uno storico di 5 giorni. Tramite USB* data storage è inoltre possibile effettuare l’aggiornamento software (firmware) dell’unità esterna.

*Possono essere utilizzate USB data storage versione 2.0

Documentazione